Iride incendio, presentazione di Milo De Angelis, Niebo, La vita felice, Milano, 2005.

╚ il primo libro di un poeta che conosce profondamente il senso del vortice, dell'emorragia, dell'eterno movimento, e lo conduce attraverso una parola visionaria, scagliata fuori di sÚ, nella febbre di chi ha covato a lungo ogni verso. Con ascendenze francesi e sotto l'ala guizzante di Rimbaud, questa poesia esprime l'esistenza nel suo momento culminante, quando esce di slancio, dopo un'antica clausura – “sabbia costretta che grida” – e sprigiona la sua forza, come “un soffio di arterie trafitte”, scrive Lorenzo Chiuchi¨.
╚ un libro di tinte accese, di versi saettanti e concentrati, di immagini che rimangono nella memoria, con la percezione ardente di ci˛ che inizia, entra in combustione, sta per prendere fuoco, sta per essere visto: iride, incendio.

Ed Ŕ una poesia splendida di vita, di accettazione e rifiuto: una parola presa in pieno, uno sguardo frontale, che Ŕ invettiva e sapienza, furia e silenzio: silenzio prima della battaglia, carico di monito e presagio. Lorenzo Chiuchi¨ ha concentrazioni rapide, immagini fulminee di gioia e sofferenza, il senso del loro intreccio e della loro metamorfosi. ╚ raro vedere espresso il dolore con tanta sapienza, cogliendone il palpito presente e l'istante irripetibile, ma anche la scena pi¨ ampia del suo significato. “Siamo al contrario e al vento appesi”, “Una slogatura, un andare a capo tardi”, “Ma parlo senza dire nulla / voce contro voce / febbre contro febbre”, “Ricordare la mappa delle vene / la via d'uscita dal tempo cantato”, “Il cancello Ŕ fatto di spine e di tempo: / spingi, sanguina, entra”.

Iride incendio Ŕ il libro di un solitario ispirato e geniale, che ha alimentato la sua parola con lunghi silenzi e decise solitudini, l'ha potenziata con esercizi di prigionia, l'ha portata al limite dell' esplosione. E ora, in queste pagine, mostra tutta la sua energia e il suo colore (colori violenti e impetuosi, che sembravano spariti dalla nostra poesia recente), tutta la necessitÓ di venire alla luce e di affacciarsi a un'improvvisa rivelazione, dove gli oggetti e i corpi sono attraversati da un soffio incandescente che trascina con sÚ il pensiero, lo sparge in mezzo alle creature, lo conduce tra i fili dell'alta tensione.


Milo De Angelis

testi e recensioni

bollettino fuoricasa.poesia 1.06
bollettino fuoricasa.poesia 3.06
secolo d'Italia 9.3.06
pulp marzo/aprile 06
ClanDestino giugno06
Famiglia cristiana 15/2006

Letture agosto/settembre '08
Letras,
Escritores y Poetas en Espa˝ol. Pßgina chilena al servicio de la cultura